Cerca nel blog

Caricamento in corso...

mercoledì 18 febbraio 2015

Aids, scoperto a Cuba virus Hiv tre volte più aggressivo I pazienti colpiti iniziano spesso a manifestare i sintomi della malattia nel giro di due tre anni

mercoledì 17 dicembre 2014

Storico disgelo tra Obama e Castro: Usa e Cuba verso piene relazioni diplomatiche dopo mezzo secolo



Obama annuncerà oggi una revisione completa della politica verso Cuba, in quello che la Casa Bianca definisce un «passo storico in direzione di un nuovo corso» nei rapporti tra i due Paesi che prevede il ripristino delle piene relazioni diplomatiche dopo oltre mezzo secolo. Nell’accordo che verrà presentato tra poco, e di cui Obama e Raul Castro hanno parlato ieri in una telefonata altrettanto simbolica, gli Stati Uniti dovrebbero annunciare la rimozione delle restrizioni ai viaggi e al trasferimento di denaro con Cuba e l'apertura di un'ambasciata americana a L'Avana.
Come parte dell’intesa, il contractor americano Alan Gross è stato rilasciato da una prigione a Cuba. Collaboratore di Usaid (agenzia americana specializzata nell’assistenza ai Paesi in via di sviluppo), Gross era stato arrestato 5 anni fa mentre distribuiva materiale elettronico alla comunità ebrea all'Avana e condannato a 15 anni di prigione
per spionaggio. Per il rilascio di Alan Gross, gli Usa hanno accettato di liberare per motivi umanitari 3 agenti cubani detenuti in Usa dopo un processo controverso che li ha
condannati per spionaggio nei confronti di gruppi anti-Castro a Miami.
Il Vaticano avrebbe giocato un ruolo da garante nelle trattative fra Stati Uniti e Cuba, iniziate lo scorso anno. Papa Francesco ha inviato una lettera ai due leader per arrivare a un’intesa.
Raul Castro e Barack Obama si sono incrociati in Sud Africa, ai funerali di Nelson Mandela. Proprio un anno fa. In verità i contatti tra le due diplomazie proseguono da tempo, all’inizio dai primi mesi dell’insediamento di Obama alla Casa Bianca.
Tuttavia è nel 2014 che si sono intensificati i rapporti tra Stati Uniti e Cuba, soprattutto in seguito alle pressioni congiunte di democratici e conservatori americani. Tutti d’accordo sull’inefficacia dell’embargo. La lettera inviata a Obama da una quarantina di personalità di spicco (tutti americani) in ambito economico, politico, militare, culturale chiede a) aumentare i voli tra Usa e Cuba, con una riduzione delle condizioni di viaggio b) aumentare l’appoggio della società civile, moltiplicando le occasioni di scambi commerciali c) favorire il dialogo bilaterale d) offrire garanzie alle istituzioni finanziarie disposte a operare a Cuba

martedì 2 dicembre 2014

Cuba, incidente al bus dei turisti francesi, almeno otto feriti in codice rosso

Almeno 41 turisti francesi sono rimasti feriti a Cuba per l’incidente all’autobus su cui stavano viaggiando. Otto di loro sono ricoverati in codice rosso, 15 in codice giallo e i restanti, in codice verde, sono stati dimessi.
Secondo le testimonanze raccolte, il bus si è scontrato con un camion mentre stava viaggiando da Santa Clara a Varadero lungo una strada nazionale.
I turisti, in gran parte pensionati, provengono dal Nord-Est della Francia. Il governo francese, per bocca del primo ministro Manuel Valls, ha assicurato che farà il necessario per assistere i feriti sul posto e garantirne al più presto il rientro a casa.

martedì 25 novembre 2014

Alerta Antonio Rodiles sobre el peligro para el futuro de Cuba

A Trinidad, sull’isola di Cuba, una caverna è stata trasformata in una discoteca con una serie di accorgimenti per evitare il pericolo di crolli improvvisi

A Trinidad, sull’isola di Cuba, una caverna è stata trasformata in una discoteca con una serie di accorgimenti per evitare il pericolo di crolli improvvisi

Una caverna di Cuba trasformata in discoteca - Hanno utilizzato un’intera caverna trasformandola in una vera e propria discoteca. Accade a Trinidad, sull’isola di Cuba, dove una caverna, nota per essere stata in passato il rifugio del serial killer Carlos ‘Coco’ Ayala, è stata trasformata in un locale che porta il suo nome. Per farlo sono stati presi diversi accorgimenti nell’ottica della sicurezza, ma anche per garantire un costante ricambio d’aria all’interno della caverna sempre molto affollata dalla sera fino alle prime luci dell’alba.
discoteca all'interno di una caverna
discoteca all’interno di una caverna, foto twitter
Per questo è stato creato un foro verso l’esterno in cima alla caverna che non solo permette il ricambio d’aria ma contribuisce a mantenere la solidità strutturale evitando il rischio di crolli improvvisi. Per accedere alla caverna bisogna scendere sottoterra percorrendo uno stretto tunnel e si raggiunge un locale con tre piste da ballo, tre bar e pavimenti in marmo. La discoteca nella grotta è diventata una vera e propria attrazione per i turisti anche se la scelta di chiamarla come il pericoloso serial killer non ha convinto i residenti. Ma i proprietari spiegano di non aver scelto il nome Ayala quale omaggio al killer quanto piuttosto perchè ormai la caverna era nota come ‘la grotta di Ayala’.

sabato 15 novembre 2014

A Cuba boom di richieste di finanziamenti privati Oltre 378mila prestiti concessi, la maggior parte per l’acquisto di abitazioni

l Banco centrale cubano ha concesso solo a settembre oltre 378 mila finanziamenti per un importo complessivo di circa 134 milioni di dollari. Lo ha annunciato il vice presidente dell’Organismo, Francisco Mayobre Lence. L’alto funzionario ha spiegato che oltre il 63 per cento dei crediti sono stati erogati a soggetti privati e serviranno per la costruzione o la ristrutturazione di abitazioni. Mayobre Lence ha aggiunto anche che è in aumento la richiesta di prestiti agricoli individuali, che hanno raggiunto quota 46 milioni di dollari, destinati alle attività produttive. Il vice direttore ha motivato questo boom di richieste da parte dei privati con la recente adozione da parte del Banco di azioni per incentivare i crediti ai lavoratori. In particolare, è stato stabilito di applicare sui finanziamenti una serie di agevolazioni tra cui tassi d’interessi minimi, un periodo di grazia di dodici mesi. Inoltre, sono stati semplificati e ridotti i requisiti di garanzia.
A Cuba la rivoluzione del settore è cominciata a partire dal 2011, quando le autorità governative autorizzarono l’accesso al credito bancario per i privati che volevano acquistare merci e soddisfare altre necessità. All’inizio i beneficiari maggiori furono agricoltori, lavoratori dipendenti privati e imprenditori soprattutto nel ramo delle costruzioni. Successivamente, come dimostrano i dati, l’orizzonte si sta spostando sempre più verso le famiglie che chiedono un finanziamento per acquistare abitazioni. Questa rivoluzione fa parte del quadro delle misure attuate dal presidente cubano, Raul Castro, per “aggiornare” il modello socialista dell'isola e superare i suoi problemi economici. Infatti, oltre al credito si sta lavorando per l'espansione del settore privato e la promozione delle cooperative.